Sei qui: Home
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

locandina bordoneSabato 23 giugno 2018, ore 17

C.P.I.A. ASTI - Piazza Leonardo da Vinci, 20 - Asti

È bello vivere liberi

Inaugurazione biblioteca interculturale RENATO BORDONE

 

 

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 21 Giugno 2018 16:56 )
 

Bando Seminario Asti

Seminario residenziale

2-6 settembre 2018

 

TOLI - The Olga Lengyel Institute for Holocaust Studies and Human Rights
Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea - CDEC onlus 

Imparare dal passato - Agire per il futuro
Pratiche formative sulla Shoah e sui diritti umani

A 80 anni della promulgazione dei provvedimenti antiebraici in Italia, TOLI e Fondazione CDEC organizzano un seminario residenziale della durata di 5 giorni rivolto a 35 docenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio nazionale, in merito alle pratiche formative sulla Shoah e sui diritti umani. L'offerta seminariale coniuga temi del dibattito storico del Novecento, dall'antisemitismo in Italia in età contemporanea alla legislazione antiebraica fascista, all'analisi delle cause e degli effetti dell'odierno discorso d'odio, al fine di offrire ai partecipanti strumenti idonei per lavorare con i propri studenti secondo i programmi curriculari, gli obiettivi dell'educazione alla cittadinanza, gli intenti del Giorno della Memoria, oltrepassando la mera commemorazione e finalizzando la pratica formativa ad una salda conoscenza degli eventi storici, all'impegno in tema di giustizia sociale e all'acquisizione di alcune delle competenze chiave per l'apprendimento permanente. Il programma abbina approcci educativi e metodologie didattiche transnazionali, lungo un percorso che muove dall'apprendimento formale ed esperienziale, centrato sui discenti, per giungere alla stesura di un piano d'azione da parte dei corsisti. La sede scelta, Asti, sarà il fulcro di un itinerario alla scoperta di alcuni dei siti più significativi dell'ebraismo piemontese: Saluzzo, Cherasco, Carmagnola e Torino.

Scadenza per le iscrizioni: 6 luglio 2018

Approfondisci, scarica il Bando ed il Programma 

 

Ultimo aggiornamento ( Martedì 19 Giugno 2018 16:05 )
 

materiali 900 materiali diritti umani materiali Nord Africa

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 16 Aprile 2018 11:36 )
 

ISRAT

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Aprile 2016 10:40 )
 

Le testimonianze di chi ha vissuto a diretto contatto con il Tanaro dall'inizio del secolo agli Anni Sessanta. È un periodo di grandi cambiamenti: la pesca, esercitata per decenni come mestiere (esigenza di sopravvivenza) diventa soprattutto passatempo (necessità di restare legati affettivamente al luogo) o divertimento (avvio dell'esperienza sportiva). Alcune figure tradizionali (lavandaie, barcaioli, pescatori di frodo) si diradano fino a, in certi casi, a scomparire nei decenni successivi. Anche l'ambiente si modifica: le escavazioni cominciano a funzionare su scale industriale, le rive del fiume si cementificano, compaiono i primi significativi casi di inquinamento. Ai racconti sull'inondazione del 1948 segue un'analisi giornalistica - con documenti inediti - sui fatti salienti accaduti prima e dopo l'alluvione del 1994: una testimonianza importante che potrà servire da monito per scongiurare danni.

Il volume è disponibile per la lettura on-line o per il download suddiviso per capitoli.





Copertina, retro, editore, siae Prefazione Cartine Indice Ringraziamenti
Traghetti e porti Le lavandaie e la lavorazione della canapa Povertà e forme di sopravvivenza
Sistemi di pesca e costruzione delle barche I pescatori di frodo Baracche agricole, mulini e orti
La gioventù alla conquista del quartiere Ritrovi, feste e sport Ristoranti e osterie
Le escavazioni La guerra e i partigiani Salvataggi e annegamenti
Voci sparse L'alluvione del 1948 L'alluvione del 1994 (Cronaca di un disastro quasi annunciato)




Atlante delle stragi Naziste e Fasciste in Italia

Nel 2009 il governo italiano e quello della Repubblica Federale Tedesca hanno insediato una Commissione storica congiunta (composta da 5 membri tedeschi e 5 membri italiani) con il mandato di elaborare un’analisi critica della storia e dell’esperienza comune durante la seconda guerra mondiale, così da contribuire alla creazione di una nuova cultura della memoria. A seguito delle raccomandazioni avanzate dalla Commissione nel dicembre 2012 a conclusione dei suoi lavori, il Governo della Repubblica Federale Tedesca si è impegnato a finanziare una serie di iniziative tese a valorizzare la storia e la memoria dei rapporti fra i due paesi nel corso del conflitto, con l’istituzione presso il Ministero federale degli affari esteri di un “Fondo italo-tedesco per il futuro”. Rientra fra queste iniziative la presente ricerca, promossa in collaborazione dall’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) e dall’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), che ha permesso di definire un quadro completo degli episodi di violenza contro i civili commessi dall’esercito tedesco e dai suoi alleati fascisti in Italia tra il 1943 e il 1945.

Vai al sito WebVai a…


Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 06 Settembre 2017 19:59 )
 
In ottemperanza all’obbligo di fatturazione in forma elettronica nei confronti delle Amministrazioni dello Stato, si comunica il CODICE FATTURAZIONE ELETTRONICA (IPA): UFKW7H necessario per emettere fatture all'ISRAT
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 11 Giugno 2015 10:12 )
 
Le foto su Flickr: Connessione agli Gli Album Fotografici ISRAT di Flickr Il profilo su Facebook: Connessione al profilo Facebook di Israt Canale Youtube: