Sei qui: Home
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

ACQUADICOLONIA 1Sabato 20 gennaio 2018, ore 21

Spazio Kor - Piazza San Giuseppe, Asti

Acqua di colonia

Proiezione

Testo, regia, interpretazione Elvira Frosini e Daniele Timpano
Consulenza Igiaba Scego
Aiuto regia e drammaturgia Francesca Blancato
Scene e costumi Alessandra Muschella e Daniela De Blasio
Disegno luci Omar Scala
Progetto Grafico Antonello Santarelli e Valentina Pastorino
Uno spettacolo di Frosini / Timpano
Produzione Romaeuropa Festival, Teatro della Tosse, Accademia degli Artefatti
Con il sostegno di Armunia Festival Inequilibrio
Si ringrazia C.R.A.F.T. Centro Ricerca Arte Formazione Teatro

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 18 Gennaio 2018 23:27 )
 

materiali 900

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 30 Novembre 2017 22:44 )
 

giornata memoria

Partendo dai disegni e dalle poesie realizzate dai bambini del ghetto di Terezin, vicino a Praga tra il 1941 ed il 1945, si propone alle classi delle scuole primarie una riflessione sui temi dell’amicizia, della famiglia, della nostalgia, della casa, della libertà per considerare i motivi che hanno portato dei bambini a scrivere e disegnare.

La discussione e le riflessioni in classe dovranno diventare elaborati grafici e/o poesie che, in caso di adesione alla manifestazione del 25 gennaio 2018 presso il Teatro Alfieri, diventeranno parte integrante della mattinata attraverso la lettura con proiezione dei disegni su grande schermo.

Il 15 novembre 2017 è la data fissata come scadenza per l'adesione all'iniziativa da parte dei docenti che dovranno compilare la scheda allegata ed inviarla a mezzo posta elettronica al seguente indirizzo:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Lettera alle scuole primarie
Scheda di adesione per le scuole primarie
Traccia di lavoro/proposta di riflessione

Ultimo aggiornamento ( Sabato 11 Novembre 2017 13:08 )
 

ISRAT

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Aprile 2016 10:40 )
 

Le testimonianze di chi ha vissuto a diretto contatto con il Tanaro dall'inizio del secolo agli Anni Sessanta. È un periodo di grandi cambiamenti: la pesca, esercitata per decenni come mestiere (esigenza di sopravvivenza) diventa soprattutto passatempo (necessità di restare legati affettivamente al luogo) o divertimento (avvio dell'esperienza sportiva). Alcune figure tradizionali (lavandaie, barcaioli, pescatori di frodo) si diradano fino a, in certi casi, a scomparire nei decenni successivi. Anche l'ambiente si modifica: le escavazioni cominciano a funzionare su scale industriale, le rive del fiume si cementificano, compaiono i primi significativi casi di inquinamento. Ai racconti sull'inondazione del 1948 segue un'analisi giornalistica - con documenti inediti - sui fatti salienti accaduti prima e dopo l'alluvione del 1994: una testimonianza importante che potrà servire da monito per scongiurare danni.

Il volume è disponibile per la lettura on-line o per il download suddiviso per capitoli.





Copertina, retro, editore, siae Prefazione Cartine Indice Ringraziamenti
Traghetti e porti Le lavandaie e la lavorazione della canapa Povertà e forme di sopravvivenza
Sistemi di pesca e costruzione delle barche I pescatori di frodo Baracche agricole, mulini e orti
La gioventù alla conquista del quartiere Ritrovi, feste e sport Ristoranti e osterie
Le escavazioni La guerra e i partigiani Salvataggi e annegamenti
Voci sparse L'alluvione del 1948 L'alluvione del 1994 (Cronaca di un disastro quasi annunciato)




Atlante delle stragi Naziste e Fasciste in Italia

Nel 2009 il governo italiano e quello della Repubblica Federale Tedesca hanno insediato una Commissione storica congiunta (composta da 5 membri tedeschi e 5 membri italiani) con il mandato di elaborare un’analisi critica della storia e dell’esperienza comune durante la seconda guerra mondiale, così da contribuire alla creazione di una nuova cultura della memoria. A seguito delle raccomandazioni avanzate dalla Commissione nel dicembre 2012 a conclusione dei suoi lavori, il Governo della Repubblica Federale Tedesca si è impegnato a finanziare una serie di iniziative tese a valorizzare la storia e la memoria dei rapporti fra i due paesi nel corso del conflitto, con l’istituzione presso il Ministero federale degli affari esteri di un “Fondo italo-tedesco per il futuro”. Rientra fra queste iniziative la presente ricerca, promossa in collaborazione dall’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) e dall’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), che ha permesso di definire un quadro completo degli episodi di violenza contro i civili commessi dall’esercito tedesco e dai suoi alleati fascisti in Italia tra il 1943 e il 1945.

Vai al sito WebVai a…


Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 06 Settembre 2017 19:59 )
 
In ottemperanza all’obbligo di fatturazione in forma elettronica nei confronti delle Amministrazioni dello Stato, si comunica il CODICE FATTURAZIONE ELETTRONICA (IPA): UFKW7H necessario per emettere fatture all'ISRAT
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 11 Giugno 2015 10:12 )
 
Le foto su Flickr: Connessione agli Gli Album Fotografici ISRAT di Flickr Il profilo su Facebook: Connessione al profilo Facebook di Israt Canale Youtube: