itsqarenfrdeeliwrues
  • Home
  • Iniziative
  • Iniziative recenti (2018-2020)

 

“L’antifascismo non serve più a niente”. Nicoletta Fasano e Carlo Greppi alle videoconferenze ai tempi del Covid

volantino11giu2020 antifasc greppi fasano

Gradito ritorno per Carlo Greppi che ha dialogato con Nicoletta Fasano (Israt) del suo ultimo libro “L’antifascismo non serve più a niente” (Ed. Laterza). La videoconferenza è stata organizzata dal Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese, Museo di Arti e Mestieri di un Tempo di Cisterna d’Asti, Israt, Associazione “F. Casetta”, Fra production srl, Cantine Povero distribuzione e Aimc Asti. Il libro inaugura la collana “Fact Checking: la storia alla prova dei fatti” diretta da Greppi per Laterza. 

Un progetto importante che si propone di dare alle stampe lavori che smontino gli stereotipi della storia. Greppi e Fasano si sono confrontati a partire dalle parole che fanno da filo conduttore del testo. Punto di partenza l’annichilimento della memoria della Resistenza. Un’analisi schietta sulla perdita di fascinazione dell’antifascismo con il coraggio, come ha detto la Fasano, di chiamare le cose con il proprio nome perché, nel corso del tempo, si è dimenticata la violenza fascista utilizzata come valore e mezzo di sopraffazione. Un libro diretto che, come ha sottolineato l’autore, ha lo scopo di far conoscere, ai non addetti ai lavori, quel periodo ma anche le vicende personali di chi si oppose. Un intervento necessario poiché gli ultimi venti anni di storia italiana hanno portato a una rivalutazione del fascismo tanto che, attualmente, ad essere residuale è l’antifascismo. Nessun partito, è la triste impressione, pare rifarsi seriamente ai valori della Resistenza se non per rare occasioni commemorative. Intanto, molti si sono costruiti una visione del ventennio immaginaria e fascinosa. Ne deriva che è importante, soprattutto per gli insegnanti di storia, far conoscere i veri aspetti del regime alla cui base stavano violenza e sopraffazione.

A questo proposito, utile il suggerimento di Nicoletta Fasano di proporre percorsi sul bullismo capaci di coniugare i vissuti personali dei ragazzi con la storia di quel periodo.

Il libro - citando nomi, biografie e vicende di tanti oppositori - ha il merito di portare alla luce l’umanità di persone che sacrificarono tutto nel nome della libertà. “Mi commuove il prezzo pagato dagli oppositori e che molti intellettuali stanno ancora pagando in diverse parti del mondo. È necessario, proprio per questo motivo, che queste storie di donne e uomini del passato vengano ‘rigettate’ nello spazio pubblico” ha aggiunto Greppi.

Leggi tutto

Da martedì 19 maggio l'Israt riapre in sicurezza

Prudenza

Dopo aver chiuso l'8 marzo la sede per le disposizioni governative di contrasto alla pandemia, l'Israt riapre i propri servizi al pubblico a partire da martedì 19 maggio.

In questi due mesi le attività non si sono però fermate: attraverso lo strumento del lavoro agile si è provveduto alla ristrutturazione del sito internet, sono state fornite alle scuole consulenze per la didattica on line e lezioni da remoto, si è completato l'iter del concorso regionale di storia contemporanea, si sono organizzate e realizzate la diretta facebook del 25 aprile e la mostra sul lavoro per il primo maggio, si sono svolte regolari riunioni periodiche di coordinamento regionale e nazionale. Anche il progetto del Servizio civile è stato trasformato, con lavori e sedute di formazione delle due volontarie (Federica Rabino e Martina Rebaudengo) da remoto, mentre si è predisposta la documentazione amministrativa per la convocazione dell'Assemblea consortile che dovrà approvare il conto consuntivo 2019 e il bilancio preventivo 2020.

In considerazione del permanere dei rischi di contagio da Covid-19, la riapertura dei servizi al pubblico a partire da martedì 19 maggio sarà sottoposta ad alcune regole, condivise da tutta la rete degli Istituti della Resistenza piemontesi.

L'apertura sarà garantita con il consueto orario (tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e i pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15 alle 18) attraverso una turnazione del personale  per evitare una eccessiva sovrapposizione di presenze.

Leggi tutto

Immaginiamo insieme il nostro futuro con @Ada Community Culturale

Illustrazione gabriele sanzo

Oggi non sentiamo il brusio tipico dell’evento che sta per iniziare, senza di voi vengono meno molte delle nostre ragioni e delle nostre motivazioni.

Eppure sappiamo che presto ci incontreremo nuovamente, sicuramente diversi, ma anche in questi momenti siamo vicini perché l’essenza dell’incontro è fatta di emozioni, discussioni e idee che uniscono gli operatori della cultura e del sociale e pubblico in una comunità importante nella vita della nostra città e noi vogliamo continuare ad esserlo anche a distanza. Per questo continuiamo a immaginare e raccontarci, ma soprattutto vorremmo sentire la vostra voce: solo insieme siamo davvero una comunità.

Leggi tutto

Prorogata la chiusura al pubblico dell'ISRAT fino al 5 maggio 2020

1 aprile 2020

L'Istituto ha prorogato la chiusura al pubblico fino al 5 maggio 2020 come da direttive del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 aprile 2020.

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare il DPCM 1 aprile 2020

Per informazioni e comunicazioni si prega di utilizzare i seguenti indirizzi di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'ISRAT rimane chiuso al pubblico fino al 3 aprile 2020

Schermata 2020 03 08 alle 06.06.02

L'Istituto rimarrà chiuso al pubblico fino al 3 aprile 2020 in ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 – COVID-19.

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare il DPCM 8 marzo 2020

Per informazioni e comunicazioni si prega di utilizzare i seguenti indirizzi di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'ISRAT riapre al pubblico

logo israt nuovo YouTube

A seguito delle disposizioni emanate dal Governo, l'Istituto riapre al pubblico con tutti i suoi servizi.

RINVIATO A DATA DA DESTINARSI - Corso di aggiornamento e formazione: "Popoli in movimento dal Secondo dopoguerra a oggi"

popoli in movimento

L'appuntamento di giovedì 27 febbraaio 2020 è stato rinviato a data da destinarsi in ottemperanza all'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute ad oggetto " Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019."

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare l'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute


Formazione, didattica

Popoli in movimento dal Secondo dopoguerra a oggi

Corso di aggiornamento e formazione per insegnanti

Leggi tutto

RINVIATA A DATA DA DESTINARSI - Presentazione del volume "Attila, Pepe e gli altri…"

26 02 2020 rinviata

L'evento è stato rinviato a data da destinarsi in ottemperanza all'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute ad oggetto " Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019."

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare l'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute


Presentazione del volume

Attila, Pepe e gli altri. La lotta partigiana tra il Monferrato e le Langhe

di Mario Renosio

Leggi tutto

Spettacolo teatrale "Guido suonava il violino" a Cerro Tanaro

Guido suonava violino Cerro Tanaro

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 a Cerro Tanaro

Guido suonava il violino

Spettacolo teatrale, testo e regia di Patrizia Camatel, con Elena Formantici, liberamente tratto dal racconto Un violino di Nicoletta Fasano.

Si tratta di un monologo teatrale tutto al femminile che si dipana come un racconto giallo e assume le misteriose atmosfere di un thriller a carattere storico. Un vecchio violino entra prepotentemente nella quotidianità di una donna, ricercatrice di professione, costringendola ad abbandonare il suo rassicurante, scientifico metodo di indagine e chiedendole di dedicarsi, anima e cuore, alla ricostruzione di una storia da salvare dall’oblio. Quel violino uscito dalla polvere di una cantina pare dotato di volontà propria: stride, geme, chiama con veemenza e ottiene ascolto. E racconta la vicenda di una famiglia ebrea sfollata ad Asti al tempo delle leggi razziali e della guerra, con gli immancabili risvolti di sradicamento, discriminazione, deportazione.

Leggi tutto

Giorno del Ricordo - Presentazione del volume di Enrico Miletto

Miletto 06 02 2020

Iniziativa per il Giorno del Ricordo

Gli italiani di Tito. La Zona B del Territorio libero di Trieste e l'emigrazione comunista in Jugoslavia (1947-1954)

Presentazione del volume di Enrico Miletto

Ne discute con l'autore Mario Renosio, direttore ISRAT

Giovedì 6 febbraio 2020 ore 17

Polo universitario Astiss "Rita Levi Montalcini". Piazzale de Andrè, Asti.

 

 

 

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Chiara volpato completo

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 ad Asti

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Incontro con Chiara Volpato, docente di psicologia sociale presso l’Università Milano-Bicocca, alla ricerca di quelle radici anche psicologiche che hanno determinato in passato – e si ripetono nel presente – i rapporti tra vittime e carnefici, tra aguzzini e vittime, rapporti che hanno trovato nel Lager lo spazio per esprimersi in tutta la loro tragicità.

Incontro con gli studenti

Mercoledì 5 febbraio 2020 ore 11

Archivio di Stato, Via Govone 9 Asti