Sei qui: Home Centenario Grande Guerra
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Grande Guerra

La Prima Guerra Mondiale, una guerra che ha coinvolto numerosi paesi, tra cui l'Italia.
Oggi a 100 anni di distanza la ricordiamo ancora come la GRANDE GUERRA, poichè così è stata...

Grande Guerra - Archivio della memoria

cssmg logoGrande Guerra - Archivio della memoria: un documento, una cartolina, una foto che vede protagoniste le famiglie del proprio territorio e la possibilità di consultare e attivare ricerche sui soldati che hanno partecipato alla Grande Guerra e sono deceduti, permette di aggiungere tasselli fondamentali per la “memoria” delle vecchie e delle nuove generazioni. Il Centro Studi Storico Militari sulla Grande Guerra “Piero Pieri” di Vittorio Veneto ha ideato e realizzato la creazione dell’Archivio della Memoria sulla Grande Guerra, basato su una banca dati digitale liberamente accessibile attraverso un portale web.

Sito ufficiale Grande Guerra - Archivio della memoria
 

WW1 - dentro la Grande Guerra

WW1WW1 - dentro la Grande Guerra è un progetto culturale no profit di livello internazionale che vuole portare le persone di oggi ad osservare gli eventi occorsi 100 anni fa attraverso le emozioni ed i pensieri degli uomini che li hanno vissuti, per esperire quei momenti “attraverso la loro pelle” ed imparare che il nostro presente deve essere di pace.
WW1 è una piattaforma editoriale che offre al pubblico una grande mappa interattiva, quella del Fronte, attraverso la quale interagire con contenuti inediti, panorami interattivi ed immersivi a 360°, video a forte carattere emozionale , documenti storici “certificati” come Albo d’Oro, le Relazioni dell'Esercito sulla Grande Guerra, le ricostruzioni di forti, trincee, vita dei civili, il racconto dei mestieri, della vita delle donne e dei bambini.
SITO UFFICIALE "WW1 DENTRO LA GRANDE GUERRA"
 

1914-1918: L’INUTILE MASSACRO

Copertina volume inutile massacro1914-1918: «L’INUTILE MASSACRO»
Nicoletta Fasano

Il volume è il risultato di un lavoro pluriennale di ricerca cominciato con l’informatizzazione dei dati dei caduti astigiani della prima guerra mondiale, proseguito poi con l’ideazione e l’allestimento di una mostra itinerante e con la realizzazione di numerosi percorsi didattici.

SCHEDA PUBBLICAZIONE
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Giugno 2014 18:09 )
 

Risorgimento e Prima Guerra Mondiale

IL FASCISMO E LA COSTRUZIONE DELL’IDENTITA’ NAZIONALE: Risorgimento e Prima guerra mondiale
Nicoletta Fasano
(Dalla rivista “Il Platano”, ANNO XXXVI, 2011)

"[…] Fu una  rinascita della antiche virtù romane e questo periodo si chiamò per l’appunto «Rinascimento». Poi ritornarono alcuni secoli di sottomissioni. Ma la riscossa venne e fiorì, magnifica. Dopo un lungo ed eroico lavoro di preparazione, nel breve periodo di circa vent’anni, dal 1849 al 1870, il popolo italiano si scosse, liberò quasi tutto il territorio dagli stranieri e ricostituì la sua unità, la sua indipendenza fra lo stupore del Mondo. Roma, la grande ed eterna Roma, riebbe la sua luce di capitale del nuovo Stato risorto nel centro del Mediterraneo"(1).

Così si conclude il breve capitolo introduttivo sulla storia d’Italia in un testo scolastico degli anni Trenta per l’ultima classe della scuola elementare. 

Un’Italia
"risorta a dignità di nazione libera e indipendente. Il glorioso nome di Roma, la città immortale che aveva dato la sua incancellabile impronta alla storia della civiltà universale, era sicura promessa di sempre più alti destini"(2).

Il regime fascista deve appropriarsi della storia nazionale, rileggerla e reinterpretarla ideologicamente, per trasformarla in strumento di educazione del «nuovo Italiano». Non solo: se ne deve impossessare per riscrivere la cronologia del passato in modo che il fascismo venga percepito come movimento rivoluzionario nato necessariamente dalla Storia ma destinato ad un futuro diverso. La vecchia «Italietta» dei partiti, della classe dirigente «mummificata» nei propri piccoli interessi, non ha nulla a che fare con la nuova identità nazionale. [...]

ARTICOLO COMPLETO
Ultimo aggiornamento ( Martedì 27 Maggio 2014 14:08 )
 
Pagina 4 di 4