Sei qui: Home INIZIATIVE Partono da Asti gli itinerari dei popoli
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Partono da Asti gli itinerari dei popoli

Sinagoga e nuseo ebraico AstiPartono da Asti gli itinerari dei popoli
Il Progetto pluriennale si avvale del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti
Cepros Asti Onlus, Israt, Polo Uni-Astiss e Biblia i partner culturali in conferenza stampa il prossimo giovedì 22 ottobre alle ore 10,30 presso la sede della Fondazione Palazzo Mazzetti (Asti, Corso Alfieri 357)

«Le Comunità Ebraiche piemontesi costituiscono un importante oggetto di studio e ricerca, per il contributo fornito da numerosi suoi membri allo sviluppo e al progresso del nostro Paese in campo scientifico, filosofico e culturale». Con queste parole Maria De Benedetti presidente del Cepros Asti – Onlus,  saluta l’avvio ufficiale del progetto Gli itinerari dei popoli. Le Comunità Ebraiche  del Basso Piemonte, che sarà presentato a Palazzo Mazzetti il prossimo giovedì 22 ottobre alle ore 10,30

«In tale ambito – sottolinea Nicoletta Fasano, ricercatrice dell’Istituto Storico della Resistenza, che con Biblia e il Polo Uni- Astiss promuove l’iniziativa - il territorio del cosiddetto Basso Piemonte costituisce una provata eccellenza. Soprattutto  in quei luoghi, infatti, sono rimaste tracce notevoli di questa presenza che, pur nella consueta discrezione  tipica della cultura ebraica, mantengono un’attualità che incuriosisce e che vale la pena di indagare».

Un progetto pluriennale che prende vita già da quest’anno e che non si propone soltanto di realizzare un obiettivo  di studio: «Oltre costituire la base di una sempre utile ricerca storiografica – evidenzia infatti Antonio Ferrero, consigliere della Fondazione Palazzo  Mazzetti che supporta a sua volta il progetto – valorizzare le nostre Comunità Ebraiche, ci consente di evidenziare l’incisività complessiva che gli appartenenti a quei gruppi hanno saputo e sanno ancora fornire al Territorio in cui si sono insediate. Primo fra tutti quello astigiano».

Proprio per questo il programma culturale complessivo, che per il 2015 intende appunto dedicarsi principalmente alle realtà presenti ad Asti, prevede azioni concrete intese a offrire risultati concreti sia alla cittadinanza, sia agli studiosi. «Grazie, anche,  alla generosa sensibilità dimostrata nei nostri confronti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti presieduta da Michele Maggiora – prosegue ancora Maria De Benedetti – contiamo di avviare il definitivo ripristino del “Piccolo museo della Sinagoga”, restaurando alcuni mobili espostivi e operando la ripulitura e di numerosi oggetti e stoffe di valore custoditi al suo interno. Ma soprattutto, quest’anno, intendiamo realizzare l’inventario e la catalogazione in rete dei molti testi antichi presenti in Sinagoga, affinché siano resi disponibili a un pubblico sempre più vasto».
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 04 Novembre 2015 14:48 )