Sei qui: Home INIZIATIVE Ricordi ebraici in musei, piazze e sinagoghe astigiane. Mecenatismo ebraico dall’Emancipazione all’Unità d’Italia
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Ricordi ebraici in musei, piazze e sinagoghe astigiane. Mecenatismo ebraico dall’Emancipazione all’Unità d’Italia

Pittatore

 

 

Per gli appassionati di storia e cultura ebraica il Sistema Urbano Asti Città Museo offrirà nel mese di settembre un percorso di visita nuovo e articolato.
A partire da domenica 9 settembre 2012 la sinagoga di Asti sarà il punto di partenza di un breve itinerario di scoperta delle piazze e degli edifici in cui si manifestò alla fine dell’Ottocento la generosità del conte Leonetto Ottolenghi.

 

 

 

Dopo aver visitato la Sinagoga il pubblico, con l’aiuto di una planimetria del percorso, potrà accedere al Museo del Risorgimento ospitato a Palazzo Ottolenghi, osservare i monumenti celebrativi di piazza Roma e piazza Cairoli e concludere ammirando nella Pinacoteca Civica di Palazzo Mazzetti i ritratti eseguiti dal pittore astigiano Pittatore ad alcuni personaggi illustri della locale comunità ebraica.
L’iniziativa, denominata Ricordi ebraici in musei, piazze e sinagoga di Asti. Mecenatismo ebraico dall’Emancipazione all’Unità d’Italia, è organizzata dal Sistema Urbano Asti Città Museo (e, nell’occasione, da Comune di Asti, Istituto per la Storia  della Resistenza, Fondazione Palazzo Mazzetti) ed è a cura di Artefacta Beni Culturali, che ha ideato il progetto.


La manifestazione si terrà nelle domeniche  9, 16, 23 e 30 settembre 2012.
In queste date la Sinagoga (via Ottolenghi 8) e il Museo del Risorgimento (corso Alfieri 350) saranno aperti dalle ore 15.00 alle ore 18.00, con ingresso gratuito.
Palazzo Mazzetti (anche qui per i partecipanti al percorso ebraico l’ingresso sarà gratuito) osserverà il consueto orario di visita.
Non è necessario prenotare.
Per informazioni: Artefacta Beni Culturali, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 347-4891662

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 11 Aprile 2013 10:53 )