Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Titolo:      La Resistenza tra Tanaro e Casalese  
Codice:      seli000003
Autore:     
Periodo Pubblicazione:     
Edizione:     
Copertina:      cover
Documento:      Scarica il documento
     
cover PDF Portable Document Format 
Dimensione del documento da scaricare: 306,77 Kb 
Descrizione:     

DESCRIZIONE – LA RESISTENZA TRA TANARO E CASALESE

Il Moncalvese, a nord-est dell’Astigiano, ha intrecciato a lungo la propria storia con quella della vicina Casale Monferrato. Tuttavia, appaiono rilevanti i legami anche con l’Astigiano, proprio nel corso del ventennio fascista: Vincenzo Buronzo, di Moncalvo, fu podestà di Asti e fautore della sua elevazione a capoluogo di provincia nel 1935,  mentre Pietro Badoglio, di Grazzano, onorato dal regime e dagli astigiani come il conquistatore dell’Impero, fu anche colui che sostituì Mussolini dopo il 25 luglio 1943 e che firmò l’armistizio dell’8 settembre.
Alcuni centri come Grana, Scurzolengo, Castagnole Monferrato e Refrancore ebbero significative e radicate esperienze di antifascismo militante; personaggi carismatici della zona contribuirono in modo decisivo alla nascita delle prime bande partigiane, tra questi Mario Aluffo Flavio, Luigi Acuto Tek-tek, Pietro Beccuti.
In quest’area operarono stabilmente la 45a brigata Garibaldi “Garemi”, la brigata autonoma “Grana” e la divisione Matteotti “I.Rossi”. Quest’ultima pagò il prezzo più duro, con gli eccidi della Banda Lenti (12 settembre 1944)  e della Banda Tom (15 gennaio 1945).

INDICAZIONI STRADALI
Inizio del percorso: Portacomaro
Uscita Asti est della Torino-Piacenza, prendere la tangenziale per Casale Monferrato.

I LUOGHI

Scurzolengo: il 30 agosto 1944 diciassette case del paese vennero incendiate per rappresaglia, dopo uno scontro sostenuto dai partigiani a San Desiderio di Calliano.

Refrancore: in frazione Calcini, il 18 settembre 1944 vennero fucilati 3 partigiani

Grana: Lapidi sulla piazza del paese ricordano l’assassinio di due antifascisti da parte di squadristi giunti da Casale e Moncalvo (30 novembre 1922) e la morte in paese di alcuni partigiani

San Desiderio di Calliano: all’incrocio tra la strada che da Grana porta a Calliano e  quella che giunge da Scurzolengo caddero il 30 agosto 1944, in uno scontro con i fascisti, quattro partigiani.

Moncalvo: sulla strada che porta a Grazzano sorge l’antico cimitero della locale comunità ebraica

Grazzano Badoglio: in località Madonna dei Monti, il 12 settembre 1944 vennero catturati i partigiani della banda Lenti. Uno venne ucciso mentre tentava la fuga, altri 25 furono fucilati a Valenza Po.

Casorzo: in una cascina del paese, il 14 gennaio 1945, vennero catturati 14 partigiani della Banda Tom; il giorno successivo 13 di loro vennero fucilati a Casale Monferrato